tricogramma deduttivo

falco81

Utente
6 Aprile 2004
263
0
265
C'è qualcuno che mi possa spiegare cose il tricogramma deduttivo, come si differenzia dal tricogramma, e se è completamente attendibile?

ho iniziato a perdere i capelli; non so da quanto perche sono ancora tantissimi, ma il tricogramma ha rivelato a.a .
la mia capigliatura si è un po sfoltita in maniera uniforme su tutta la testa(non e' visibile, me ne accorgo solo io per ora), no stempiature. pensavo all'inizio fosse un telogen effluvium ma non e stato cosi'. Ho paura che visto che ha interessato tutta la testa sono destinato a diventare calvo. e' cosi?
in famiglia nonni sono pieni di capelli, padre 54 enne anche lui diradato uniformemente,ora gli si nota leggemente ma fino a 50 anni non si notava proprio nulla.
Perche' io ho iniziato a 23 anni mentre lui probabilmente e' stato colpito da a.a verso i 40. Se potessi arrivare alla situazione di mio padre a 54 anni sarei felicissimo, ma io ho paura di arrivare calvo alla sua età. E' possibile che anche lui alla mia età sia stato colpito da un' a.a leggerissima di ci non si e' mai accorto, che gli abbia consentito di portarsi quasi tutti i capelli a 50 anni?
Grazie
 

falco81

Utente
6 Aprile 2004
263
0
265
C'è qualcuno che mi possa spiegare cose il tricogramma deduttivo, come si differenzia dal tricogramma, e se è completamente attendibile?

ho iniziato a perdere i capelli; non so da quanto perche sono ancora tantissimi, ma il tricogramma ha rivelato a.a .
la mia capigliatura si è un po sfoltita in maniera uniforme su tutta la testa(non e' visibile, me ne accorgo solo io per ora), no stempiature. pensavo all'inizio fosse un telogen effluvium ma non e stato cosi'. Ho paura che visto che ha interessato tutta la testa sono destinato a diventare calvo. e' cosi?
in famiglia nonni sono pieni di capelli, padre 54 enne anche lui diradato uniformemente,ora gli si nota leggemente ma fino a 50 anni non si notava proprio nulla.
Perche' io ho iniziato a 23 anni mentre lui probabilmente e' stato colpito da a.a verso i 40. Se potessi arrivare alla situazione di mio padre a 54 anni sarei felicissimo, ma io ho paura di arrivare calvo alla sua età. E' possibile che anche lui alla mia età sia stato colpito da un' a.a leggerissima di ci non si e' mai accorto, che gli abbia consentito di portarsi quasi tutti i capelli a 50 anni?
Grazie
 

falco81

Utente
6 Aprile 2004
263
0
265
C'è qualcuno che mi possa spiegare cose il tricogramma deduttivo, come si differenzia dal tricogramma, e se è completamente attendibile?

ho iniziato a perdere i capelli; non so da quanto perche sono ancora tantissimi, ma il tricogramma ha rivelato a.a .
la mia capigliatura si è un po sfoltita in maniera uniforme su tutta la testa(non e' visibile, me ne accorgo solo io per ora), no stempiature. pensavo all'inizio fosse un telogen effluvium ma non e stato cosi'. Ho paura che visto che ha interessato tutta la testa sono destinato a diventare calvo. e' cosi?
in famiglia nonni sono pieni di capelli, padre 54 enne anche lui diradato uniformemente,ora gli si nota leggemente ma fino a 50 anni non si notava proprio nulla.
Perche' io ho iniziato a 23 anni mentre lui probabilmente e' stato colpito da a.a verso i 40. Se potessi arrivare alla situazione di mio padre a 54 anni sarei felicissimo, ma io ho paura di arrivare calvo alla sua età. E' possibile che anche lui alla mia età sia stato colpito da un' a.a leggerissima di ci non si e' mai accorto, che gli abbia consentito di portarsi quasi tutti i capelli a 50 anni?
Grazie
 

falco81

Utente
6 Aprile 2004
263
0
265
Grazie dottore, grazie a tutti. Ora mi rendo conto che i metodi di analisi tra un dermatologo e un altro possano essere differenti. e per questo sono sempre più deciso a provare a farmi visitare anche da altri dermatologi. questo almeno all'inizio per aver certezza sulla strada migliore da seguire.
Grazie, ciao
 

dr_paolo gigli

Moderatore
Staff
16 Marzo 2003
30,612
864
2,015
Be' tanto per chiarire i dettagli: non si puo' valutare la qualita' dei capelli in fase anagena (Profondita' follicolare, attivita' mitotica,presenza di punte di malpighi etc) analizzando dei telogeni.La conta matematica potrebbe in maniera imprecisa darci una % degli anageni , ma in questo modo saremmo molto meno precisi che con un tricogramma in luce bianca. Se mi consentite a quel punnto tanto vale evitare di fare il tricogramma ed affidarsi alla diagnosi clinica che comunque rimane a detta dei piu' rinomati esperti in tricologia il metodo principe per la diagnosi di androgenetica.
Forse molti fraintendono quale puo' essere la vera utilita' di un tricogramma in luce polarizzata, non certo quella di fare diagnosi, bensi quella di valutare le cause ed i cofattori presenti in quel paziente e soprattutto quella di fermare dei valori numerici da confrontare al controllo successivo e che non siano solo le sterili percentuali di anageni catageni e telogeni, pardon anageni e telogeni in quanto con la luce bianca i catageni sono quasi impossibili da individuare.

Saluti
 

zangra

Utente
19 Aprile 2004
155
0
165
Eccomi nuovamente![^] Sono sempre più del parere che la proposta fatta nell'apposita sezione (segnalazioni e proposte) di registrare nel forum le esperienze dermatologiche riscontrate durante una visita potrebbero darci un buon resoconto e metterci in mano gli strumenti per valutare se siamo stati sottoposti ad una buona visita: se abbiamo speso bene i nostri soldi ma soprattutto se possiamo essere tranquilli in quanto pazienti di professionisti competenti e non improvvisati. Quanto più assiduamente (e quindi efficacemente) sarebbe seguita una cura nella [quasi]certezza che il pulpito da cui proviene la ricetta è quanto di meglio può offrire la moderna medicina? Provate a riconsiderare chi più intelligentemente di me ha lanciato l'idea in segnalazioni e proposte [anche se, a dire il vero, inizialmente era comparsa nella sezione cerco un dermatologo] [;)]
A presto [:D][:D]
 

kikkuzzo

Utente
29 Ottobre 2003
534
1
265
Falco.....ma da chi 6 andato a fare quel tricogramma deduttivo???sai perchè pure io ho fatto lo stesso esame....e mi è stata trovata la a.a con quell'esame....anche se in effetti la mia sembrerebbe solo una cosa fisiologica, ma dopo le parole del derma ho iniziato con la FINA....
Dott. Gigli...con solo un lieve arretramento dell'attaccatura e con un tricogramma eseguito sui telogeni che cadono spontaneamente durante un lavaggio, lei dice che la diagnosi sia attendibile??