Specialisti e non

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
32,330
2,458
2,015
Milano
Un articolo su IoDonna fa capire perché bisognerebbe sempre rivolgersi ai tricologi, ossia a chi si occupa solo di problemi di capelli:


Se non potere accedere ecco degli estratti:

La carenza di estrogeni causata dalla menopausa condiziona il vigore dei follicoli piliferi perché, per un certo periodo, prima che l’equilibrio ormonale si assesti, prevale la produzione degli ormoni androgeni. In linea di massima, la caduta dei capelli nelle donne è di carattere transitorio e con la giusta diagnosi e la corretta terapia la ricrescita è assicurata. Fatta eccezione per i casi di esclusiva competenza medica (???), è possibile migliorare l’habitat del cuoio capelluto: detergenza, controllo del sebo e della forfora, sono le prime mosse per ridare “respiro” ai bulbi piliferi.

Mentre in età più giovane si può provare a curare la caduta dei capelli con la pillola, utilizzata anche contro l’acne, in menopausa può essere indicato
l’estrogeno finasteride (!!!???)

La menopausa può essere alla base dell’alopecia androgenetica femminile, un particolare tipo di caduta che ha sicuramente una componente ereditaria a supportarla. Alla base di questo disturbo, possono esserci anche disfunzioni ormonali o comunque una particolare sensibilità dei recettori per gli androgeni, di cui non conosciamo la causa. La sensibilità alterata dei recettori ad alcuni componenti ormonali non è facile da spiegare. Per semplificare, potremmo dire che questi particolari sensori, distribuiti al centro della testa, si “eccitano” oltre misura nei confronti degli ormoni androgeni, la cui quantità, se dosata, è quasi sempre nella norma. Il cuoio capelluto si ingrassa, i capelli si indeboliscono e inizia la caduta. La perdita di capelli si manifesta in forma di diradamento generale della corona e della parte frontale della testa. Tranne che in casi davvero estremi è difficile che ci sia una calvizie definitiva. Una terapia ben impostata può controllare molto bene questo problema.

Ciao

MA - r l i n