sacca scotale e dolore lungo la gamba

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
nessun problema allarmante almeno apparentemente,ma dopo la paranoia ginecomastia adesso ne ho un altra ma stavolta forse un pò meno fittizia...in pratica circa sei mesi fa ho notato nella parte alta della sacca scrotale sul lato sinistro un indurimento e al tatto si sentivano quasi delle palline sottopelle;il dolore è esistente solo al tatto e cmq ho pensato si potesse trattare di tensione dell'epidimo(ho detto bene?)un mio amico ha detto che anche a lui si fa spesso quando fa troppo sesso e allora subito ho pensato al dht.ho notato che in quest'ultimo periodo oltre ad avere una tensione in questa zona ho anche un dolore lungo tutta la gamba ,a volte più accentuato al polpaccio delle volte al crociato;premetto che il dolore alla gamba è simile a quello che avevo circa un anno fa quando mi feci male al ginocchio giocando a pallone,solo che ultimamente non ricordo di essermi fatto male;ho notato che quando tasto la sacca lì dove ho tensione subito dopo anche il dolore alla gamba aumenta...sarà coincidenza ma volevo sentire un tuo parere.
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
nessun problema allarmante almeno apparentemente,ma dopo la paranoia ginecomastia adesso ne ho un altra ma stavolta forse un pò meno fittizia...in pratica circa sei mesi fa ho notato nella parte alta della sacca scrotale sul lato sinistro un indurimento e al tatto si sentivano quasi delle palline sottopelle;il dolore è esistente solo al tatto e cmq ho pensato si potesse trattare di tensione dell'epidimo(ho detto bene?)un mio amico ha detto che anche a lui si fa spesso quando fa troppo sesso e allora subito ho pensato al dht.ho notato che in quest'ultimo periodo oltre ad avere una tensione in questa zona ho anche un dolore lungo tutta la gamba ,a volte più accentuato al polpaccio delle volte al crociato;premetto che il dolore alla gamba è simile a quello che avevo circa un anno fa quando mi feci male al ginocchio giocando a pallone,solo che ultimamente non ricordo di essermi fatto male;ho notato che quando tasto la sacca lì dove ho tensione subito dopo anche il dolore alla gamba aumenta...sarà coincidenza ma volevo sentire un tuo parere.
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
nessun problema allarmante almeno apparentemente,ma dopo la paranoia ginecomastia adesso ne ho un altra ma stavolta forse un pò meno fittizia...in pratica circa sei mesi fa ho notato nella parte alta della sacca scrotale sul lato sinistro un indurimento e al tatto si sentivano quasi delle palline sottopelle;il dolore è esistente solo al tatto e cmq ho pensato si potesse trattare di tensione dell'epidimo(ho detto bene?)un mio amico ha detto che anche a lui si fa spesso quando fa troppo sesso e allora subito ho pensato al dht.ho notato che in quest'ultimo periodo oltre ad avere una tensione in questa zona ho anche un dolore lungo tutta la gamba ,a volte più accentuato al polpaccio delle volte al crociato;premetto che il dolore alla gamba è simile a quello che avevo circa un anno fa quando mi feci male al ginocchio giocando a pallone,solo che ultimamente non ricordo di essermi fatto male;ho notato che quando tasto la sacca lì dove ho tensione subito dopo anche il dolore alla gamba aumenta...sarà coincidenza ma volevo sentire un tuo parere.
 

4x

Utente
12 Novembre 2003
2
0
5
Citazione:[ho notato nella parte alta della sacca scrotale sul lato sinistro un indurimento e al tatto si sentivano quasi delle palline sottopelle;


per quello che ne so io ti conviene fare al più presto una visita andrologica. Sentire degli indurimenti (tipo palline) sul testicolo necessita di una visita specialistica. (potrebbero essere anche innocue cisti)
[pt]
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
caro Cibelli, le possibilita' circa la palpazione di palline a livello dello scroto sono le seguenti: le Cisti dell'epididimo (cisti del didimo) e le cisti dell'albuginea (una tonaca di rivestimento del testicolo)...posono essere unilaterali o bilaterali, spesso multiple...sono assolutamente benigne...la percezione di un a serie di gavacciuoli, simili a vermi aggrovigliati, depone per un varicocele, una ectasia (dilatazione) delle vene del plesso pampiniforme, pertinente alla vena spermatica...il varicocele è piu' frequente a sinistra...escluderei epididimite , almeno in fase acuta, poiche', in questo caso dovrebbe coesistere febbre e tunefazione dell'epididimo...il dolore al pinzamento o alla palpazione del testicolo sono normali, con possibili irradiazioni anche all'arto inferiore...anzi , ti diro' di piu'...sono piu' preoccupanti tumefazioni indolenti, che non dolorose...comunque, se vuoi stare tranquillo, prima di rivolgermi all'andrologo , chiederei una visita chirurgica (piu' esperto il chirurgo per questo tipo di patologie) corredato da un eco od un ecocolordoppler dello scroto per valutazione del testicolo e dell'epididimo...ciao...p.s. scusa per le risposte a singhiozzo, ma sono alcuni giorni un po' movimentati...
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
scusa non mi è molto chiaro su cosa potrei avere,il dolore al tatto è normale in genere o in caso di varicocele?dici che potrei avere varicocele?cmq io non è che sto male ho fastidio solo alla palpazione e poi questa varicocele non ha nessun legame con la fina?è grave?..vado a dormire che ho passato una lunga serata di studio
 

cibelli

Utente
19 Novembre 2003
2,548
0
615
grazie mille claudia,devo dire che il sospetto di varicocele comincia ad essere vivo in me....che la fina non sia stata d'aiuto non ci guirerei ma lo spero
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
...no Cibelli...il varicocele non c'entra nulla con la finasteride, piu' che dolore da un senso di peso, di fastidio in sede scrotale...alla palpazione si sente come un groviglio ed un senso di fastidio...il varicocele, è una dilatazione dei vasi del plesso pampiniforme...è un po' l'equivalente delle vene varicose, in sede scrotale...non è nulla di grave...va pero' valutato,perche' alla lunga puo causare fastidi locali...sono comunque diagnosi che vanno poste dopo attenta valutazione da parte di un medico (possibilmente chirurgo)...eventualmente, come ho gia' detto, va eseguito almeno un ecocolordoppler per accurata osservazione strunmentale del testicolo...lascerei perdere di imputare come cause la finasteride, che nulla ha ache vedere...passi per la ginecomastia, ma non per le tumefazioni testicolari, assolutamente...grazie Claudia per il link...[;)][:)][:)][:)]ciao ad entrambi (per Cibelli niente baci, pero'[:D])
 

paulwll81

Utente
1 Ottobre 2003
366
0
265
x xxenergyxx: no, l'operazione non è stata dolorosa, però tutti i controlli, le visite mediche, dottori che ti palpano, l'odore di ospedale.. non è un'esperienza bellissima. cmq avevo 14 anni, magari è anche per quello.

x basilio: mi sa che il varicocele con la fina non c'entra proprio niente, il varicocele è un problema abbastanza diffuso.
 

xxenergyxx

Utente
14 Marzo 2004
1,641
3
615
Io avevo paura di averlo e ieri per vedere com'era effettivamente la situazione mi sono fatto coraggio e sono andato da un andrologo...dopo la palpazione e un ecografia mi ha detto che è tutto apposto,però boh,nn so...nn mi ha convinto + d tanto,magari mi faccio vedere da 1 altro!
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
personalmente, preferirei che le lesioni testicolari le valutasse prima un chirurgo di un andrologo...questi ultimi troppo avvezzi a valutare e vedere squilibri ormonali,anche in patologie dove l'influenza ormonale o non interviene assolutamente , oppure ha un'importanza marginale...continuo a non vedere il nesso tra finasteride e varicocele, il quale non è una patologia ghiandolare, ma vascolare, con dilatazione venosa...comunque, indipendentemente dallo specialista e dalle influenze farmacologico-ormonali, per prima cosa, in caso di diagnosi incerta, va eseguita una ecografia dello scroto per valutare la situazione complessiva del contenuto...ciao...
 

xxenergyxx

Utente
14 Marzo 2004
1,641
3
615
Scusa una curiosità Paolo...ma se io essendo andato da un andrologo che prima attraverso la palpazione non ha rilevato niente e poi attraverso l'ecografia ha detto che è tutto apposto pensi che posso stare tranquillo oppure sarebbe meglio farmi vedere anche da un chirurgo?...
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
il varicocele, non ha nulla a che vedere con l'assunzione di finasteride...il varicocele, probabilmente a causa di variazioni di temperatura locale indotta dalle turbe vascolari, puo' indurre un'alterazione degli spermatozoi con riduzione della capacita' fecondante...poiche' si è visto, che in alcuni rari casi la finasteride puo' causare alterazione degli spermatozoi, si consiglia di sospenderne l'uso , sino a che i quadro clinici e lo spermiogramma non indicano una normalizzazione...pertanto, la finasteride anderebbe sospesa non per curare il varicocele, ma per evitare o ridurre i guai sugli spermatozoi che il varicocee puo' indurre...in questo senso va intesa l'influenza della finasteride..,il saw palmetto non dovrebbe causare problemi...
 

blood

Utente
1 Ottobre 2003
223
0
165
Grazie Giampaolo, esaustivo come sepre! [tp] Volevo disturbarti ancora un attimo però: se è vero che il saw palmetto è cosiderato l'alternativa naturale alla fina, non è che per caso si può assistere ad un'alterazione degli spermatozoi? ...Nel caso questi siano a rischio ovviamente (come nel caso di una varicocele). Scusate la confusione [:I]
 

giampaolo

Utente
15 Ottobre 2003
802
0
265
ciao paulwll81...no , non aspettare che si sgonfi...bisogna sempre andare ad accertare le cause di una tumefazione scrotale...probabilmente si tratta di idrocele, cioe' accumulo di liquido all'inerno delle tonache di rivestimento dello scroto...è inevitabile che ti debba sottoporre ad una visita specialistica con relativa ecografia...ciao[;)]
 

paulwll81

Utente
1 Ottobre 2003
366
0
265
ciao giampaolo, se non ho capito male il gonfiore potrebbe essere idrocele: è possibile che io abbia sia idrocele che varicocele?
sapevo di essere sfigato, ma non fino a sto punto...