il té verde limita l'assorbimento del ferro?

boschetto

Utente
12 Maggio 2003
590
0
265
Mi è capitato diverse volte di leggere che i tannini del té riducono unicamante l'assorbimento del ferro derivante da alimenti di origine vegetale, mentre non ci sarebbero problemi per quanto riguarda l'assorbimento del ferro presente nella carne o nelle uova.[:p] Incuriosito dall'argomento mi sono messo a fare una piccola ricerca e guardate cosa ho trovato:

Il ruolo della dietaI due aspetti fondamentali sono il contenuto di ferro nella dieta e la sua assorbibilità. Il ferro è contenuto negli alimenti in una quota strettamente correlata con l'apporto calorico: circa 6-7 mg di ferro per 1000 Kcalorie, con piccole variazioni individuali. Solo una piccola porzione del ferro viene assorbita e questa quantità varia in modo significativo in funzione della composizione della dieta. Sebbene l'argomento sia piuttosto complesso e ben lungi dall'essere chiarito completamente, possiamo distinguere due forme principali di ferro negli alimenti: il ferro cosiddetto eme e quello non-eme.
Il ferro eme (l'eme è un componente dell'emoglobina e di altre proteine, che contiene il ferro in una forma particolare) costituisce circa il 40% del ferro contenuto nei cibi carnei. Esso è altamente assorbibile (la quota assorbita varia dal 20 al 40%, nei soggetti normali) e non è influenzato dalla composizione generale della dieta. Tuttavia, il ferro eme costituisce, in genere, una piccola porzione del ferro alimentare, in particolare nelle popolazioni economicamente più povere.
La maggior parte del ferro alimentare, infatti, è costituito dal ferro non-eme. Esso costituice il 60% circa del ferro contenuto nella carne ed il 100% del ferro contenuto nei cibi di origine vegetale, nel latte e nei suoi derivati. Il ferro sotto questa forma è poco assorbibile ed è influenzato dalla presenza, negli alimenti, di fattori favorenti o inibenti l'assorbimento. In modo più specifico, l'assorbimento del ferro contenuto nei cereali e nelle verdure è inferiore al 5%, ma può aumentare fino al 10-20% in presenza di cibi carnei o di acidi organici (per es. l'acido citrico contenuto nel limone, l'acido lattico nei crauti e l'acido ascorbico, o vitamina C, contenuto in diversi frutti). Dall'altra parte diverse sostanze contenute normalmente nei cibi non carnei possono inibire ulteriormente l'assorbimento del ferro non-eme (per es. i polifenoli e i tannini, contenuti in proporzioni variabili nelle verdure). La proporzione del ferro assorbito può ridursi fino del 30% con l'aumentare del
 

boschetto

Utente
12 Maggio 2003
590
0
265
Mi è capitato diverse volte di leggere che i tannini del té riducono unicamante l'assorbimento del ferro derivante da alimenti di origine vegetale, mentre non ci sarebbero problemi per quanto riguarda l'assorbimento del ferro presente nella carne o nelle uova.[:p] Incuriosito dall'argomento mi sono messo a fare una piccola ricerca e guardate cosa ho trovato:

Il ruolo della dietaI due aspetti fondamentali sono il contenuto di ferro nella dieta e la sua assorbibilità. Il ferro è contenuto negli alimenti in una quota strettamente correlata con l'apporto calorico: circa 6-7 mg di ferro per 1000 Kcalorie, con piccole variazioni individuali. Solo una piccola porzione del ferro viene assorbita e questa quantità varia in modo significativo in funzione della composizione della dieta. Sebbene l'argomento sia piuttosto complesso e ben lungi dall'essere chiarito completamente, possiamo distinguere due forme principali di ferro negli alimenti: il ferro cosiddetto eme e quello non-eme.
Il ferro eme (l'eme è un componente dell'emoglobina e di altre proteine, che contiene il ferro in una forma particolare) costituisce circa il 40% del ferro contenuto nei cibi carnei. Esso è altamente assorbibile (la quota assorbita varia dal 20 al 40%, nei soggetti normali) e non è influenzato dalla composizione generale della dieta. Tuttavia, il ferro eme costituisce, in genere, una piccola porzione del ferro alimentare, in particolare nelle popolazioni economicamente più povere.
La maggior parte del ferro alimentare, infatti, è costituito dal ferro non-eme. Esso costituice il 60% circa del ferro contenuto nella carne ed il 100% del ferro contenuto nei cibi di origine vegetale, nel latte e nei suoi derivati. Il ferro sotto questa forma è poco assorbibile ed è influenzato dalla presenza, negli alimenti, di fattori favorenti o inibenti l'assorbimento. In modo più specifico, l'assorbimento del ferro contenuto nei cereali e nelle verdure è inferiore al 5%, ma può aumentare fino al 10-20% in presenza di cibi carnei o di acidi organici (per es. l'acido citrico contenuto nel limone, l'acido lattico nei crauti e l'acido ascorbico, o vitamina C, contenuto in diversi frutti). Dall'altra parte diverse sostanze contenute normalmente nei cibi non carnei possono inibire ulteriormente l'assorbimento del ferro non-eme (per es. i polifenoli e i tannini, contenuti in proporzioni variabili nelle verdure). La proporzione del ferro assorbito può ridursi fino del 30% con l'aumentare del
 

boschetto

Utente
12 Maggio 2003
590
0
265
Mi è capitato diverse volte di leggere che i tannini del té riducono unicamante l'assorbimento del ferro derivante da alimenti di origine vegetale, mentre non ci sarebbero problemi per quanto riguarda l'assorbimento del ferro presente nella carne o nelle uova.[:p] Incuriosito dall'argomento mi sono messo a fare una piccola ricerca e guardate cosa ho trovato:

Il ruolo della dietaI due aspetti fondamentali sono il contenuto di ferro nella dieta e la sua assorbibilità. Il ferro è contenuto negli alimenti in una quota strettamente correlata con l'apporto calorico: circa 6-7 mg di ferro per 1000 Kcalorie, con piccole variazioni individuali. Solo una piccola porzione del ferro viene assorbita e questa quantità varia in modo significativo in funzione della composizione della dieta. Sebbene l'argomento sia piuttosto complesso e ben lungi dall'essere chiarito completamente, possiamo distinguere due forme principali di ferro negli alimenti: il ferro cosiddetto eme e quello non-eme.
Il ferro eme (l'eme è un componente dell'emoglobina e di altre proteine, che contiene il ferro in una forma particolare) costituisce circa il 40% del ferro contenuto nei cibi carnei. Esso è altamente assorbibile (la quota assorbita varia dal 20 al 40%, nei soggetti normali) e non è influenzato dalla composizione generale della dieta. Tuttavia, il ferro eme costituisce, in genere, una piccola porzione del ferro alimentare, in particolare nelle popolazioni economicamente più povere.
La maggior parte del ferro alimentare, infatti, è costituito dal ferro non-eme. Esso costituice il 60% circa del ferro contenuto nella carne ed il 100% del ferro contenuto nei cibi di origine vegetale, nel latte e nei suoi derivati. Il ferro sotto questa forma è poco assorbibile ed è influenzato dalla presenza, negli alimenti, di fattori favorenti o inibenti l'assorbimento. In modo più specifico, l'assorbimento del ferro contenuto nei cereali e nelle verdure è inferiore al 5%, ma può aumentare fino al 10-20% in presenza di cibi carnei o di acidi organici (per es. l'acido citrico contenuto nel limone, l'acido lattico nei crauti e l'acido ascorbico, o vitamina C, contenuto in diversi frutti). Dall'altra parte diverse sostanze contenute normalmente nei cibi non carnei possono inibire ulteriormente l'assorbimento del ferro non-eme (per es. i polifenoli e i tannini, contenuti in proporzioni variabili nelle verdure). La proporzione del ferro assorbito può ridursi fino del 30% con l'aumentare del
 

boschetto

Utente
12 Maggio 2003
590
0
265
Il sito è questo:
http://www.emocromatosi.it/articoli/assorbimento.htm

Intanto si può cominciare ad affermare che quanto avevo letto ha un fondamento. Comunque anche la carne contiene per il 60% ferro non-eme, il cui assorbimento potrebbe venir limitato dai tannini.

P.S.: non dimentichiamo che anche vino, cacao ed altri alimenti contengono tannini in quantità. Quindi, anche in questo caso, consiglierei di evitare di complicarsi la vita facendosi troppe seghe mentali.

Non si diceva che un bicchiere di vino fa buon sangue? Se limitasse l'assorbimento del ferro...[:p]
 

Dep

Moderatore Chimico
Staff
12 Febbraio 2003
2,316
122
615
Modena
Perfettamente d'accordo col tuo ultimo post Boschetto[;)]....

Si tratta di equilibri normali all'interno dell'organismo: moltissime sostanze limitano(è bene sottolineare limitano e non bloccano) l'assorbimento di altre (altro classico esempio è il rame e zinco che sono in competizione per lo stesso sito nell'intestino, quindi un sovradosaggio spinto di uno limita l'assorbimento dell'altro)......
Occorre solo non esagerare con i dosaggi....
Ciao
-Dep-
 

boschetto

Utente
12 Maggio 2003
590
0
265
E già.[;)]

Chiaramente per chi ha carenza di ferro (accertata con le analisi) il discorso cambia un po'. Credo che sia l'unico caso in cui sia ragionevole fare un po' più di attenzione. Solo per precauzione...