14 Gennaio 2019
214
43
165
Il problema della PGE1 è lo stesso della PGE2, ossia l'azione momentanea e non prolungata. Con un'infiammazione come quella provocata da una lesione cutanea anche lieve ci sarebbe invece una produzione continua di PGE2.

Ciao

MA - r l i n
si, se ti ricordi qualche mese fa (prima di decidere definitivamente per equolo e peperoncino come home made) ti chiesi in pm quanta utilità avrebbe appunto avuto l’aspirina tirata in ballo poco più sopra (vero le inibisce entrambe) ma non sarebbe la via più semplice dato che comunque un attività infiammatoria da mitigare c’e’? ricordo in passato se ne era parlato ma come spesso accade per i test tutto si perde.. credo che le sole prostaglndine non possono assolutamente essere risolutive, se non affiancate da una vasodilatazione e da un inibizione del dht ( o suo “ sequestro” tipo equolo , anche se non pare faccia chissà cosa)
in pratica tentare la strada vasodilatazione + anti dht+ inibizione pgd2+ incremento pge2
fattibile?
 
Last edited:

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
27,469
30
2,015
Milano
Qui più che da mitigare l'infiammazione sarebbe da attivare, quindi niente aspirina. Le varie cose sono comunque collegate e non indipendenti, anche la circolazione (più che la vasodilatazione) è più un effetto che una causa della calvizie, quindi agire sul dht è la cosa che evita tutti gli altri effetti negativi, anche se si può incentivare la crescita con PGE così come si fa col minox.

Ciao

MA - r l i n
 
14 Gennaio 2019
214
43
165
parlavo sempre della pgd2 da mitigare e sfiammare come gia’ sapevamo, e innalzare la pge2( l’aspirina purtroppo le inibisce tutte anche la pgf2 se non ricordo male)
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
27,469
30
2,015
Milano
Per quella c'è il setipiprant (o stando sul naturale cose come il Reglandin), per la PGE2 dovrebbe bastare il minox che pure ha questo effetto di aumentarla. Lo studio in questione punta sul fattore che con la lesione porta ad aumentare costantemente la PGE2 , ma non credo che il prodotto sia dietro l'angolo. Al limite si potrebbe provare con l'acido arachidonico (temutissimo :)) o con il famoso olio di ricino che in effetti veniva usato anche per indurre il parto proprio come si fa con le PGE.

Ciao

MA - r l i n
 
14 Gennaio 2019
214
43
165
Per quella c'è il setipiprant (o stando sul naturale cose come il Reglandin), per la PGE2 dovrebbe bastare il minox che pure ha questo effetto di aumentarla. Lo studio in questione punta sul fattore che con la lesione porta ad aumentare costantemente la PGE2 , ma non credo che il prodotto sia dietro l'angolo. Al limite si potrebbe provare con l'acido arachidonico (temutissimo :)) o con il famoso olio di ricino che in effetti veniva usato anche per indurre il parto proprio come si fa con le PGE.

Ciao

MA - r l i n
si ma il reglandin o il seti non hanno mostrato nulla di che, ecco perché dicevo forse servirebbe una formulazione più completa che tenti di agire sui fattori che ci interessano,dht prostaglandine e circolazione facile a dirsi poi a trovare gli elementi giusti è un altro paio di maniche. non ricordo più tutto l’inci c’e’ la nigella,forse troppo debole?) associarla ad un palmetto e ad un vasodiltatore/ circolazione?
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
27,469
30
2,015
Milano
So che chi usa il Seti lo continua a usare. La formulazione può essere più completa, ma se i capelli non vogliono rispuntare, non rispuntano :)
Non dobbiamo prendere tutti gli studi "alla lettera", molte sostanze sono testate in vitro o ex vivo (su tessuti o cellule in provetta), ma non con test clinici che ne attestino l'efficacia. In vivo molte cose cambiano e se tutto va bene si ha un'azione ridotta, il classico mantenimento che non è mai da scartare perché comunque ti fa salire di un livello da cui poter sperare di ripartire verso livelli più elevati e non da sotto terra.

Ciao

MA - r l i n
 
14 Gennaio 2019
214
43
165
So che chi usa il Seti lo continua a usare. La formulazione può essere più completa, ma se i capelli non vogliono rispuntare, non rispuntano :)
Non dobbiamo prendere tutti gli studi "alla lettera", molte sostanze sono testate in vitro o ex vivo (su tessuti o cellule in provetta), ma non con test clinici che ne attestino l'efficacia. In vivo molte cose cambiano e se tutto va bene si ha un'azione ridotta, il classico mantenimento che non è mai da scartare perché comunque ti fa salire di un livello da cui poter sperare di ripartire verso livelli più elevati e non da sotto terra.

Ciao

MA - r l i n
dalle ultime dichiarazioni i dati del seti fanno pietà, serve altro.. secondo il tuo ragionamento( che condivido) gli studi in vitro hanno degli ovvi limiti, pertanto qualsiasi studio questo compreso potrebbe non dare a conti fatti risultati ..
 

marlin

Amministratore
Staff
9 Maggio 2004
27,469
30
2,015
Milano
dalle ultime dichiarazioni i dati del seti fanno pietà, serve altro.. secondo il tuo ragionamento( che condivido) gli studi in vitro hanno degli ovvi limiti, pertanto qualsiasi studio questo compreso potrebbe non dare a conti fatti risultati ..
Questo studio non propone una soluzione (una cura) evidenzia al momento solo un meccanismo che sta dietro alla ricrescita di peli/capelli in seguito a lesione cutanea. Da qui si può partire per immaginare una terapia.

@marlin l'utilizzo del dermastamp magari brevi sessioni quotidiane a 0.5 mm, può indurre il rilascio delle pge2?
Qualcosina in questo senso i vari roller e stamp fanno, non sono nocivi per i capelli e nemmeno del tutto inutili. Possono dar problemi se usati in modo esagerato con sanguinamento e aspersione con sostanze varie.

Ciao

MA - r l i n
 
  • Like
Reazioni: juanitojuan